PoR 9 | Treviso 2019

 

Persistenze o Rimozioni 9

Dieci anni dopo:

dalla Repubblica dei partiti al momento populista

Treviso, 26-27 settembre 2019

Deadline: 15 giugno 2019

 

      Con il patrocinio di

In collaborazione con

L’Associazione Culturale “Persistenze o Rimozioni”, bandisce un Call for papers per il suo IX convegno annuale dal titolo “Dieci anni dopo: dalla Repubblica dei partiti al momento populista”.

Il convegno si inserisce in un progetto pluriennale di studi sull’età contemporanea e intende rivolgersi verso le nuove ricerche sulla storia e sull’evoluzione delle culture politiche italiane, attraverso un approccio interdisciplinare tra storia, scienze politiche ed economiche, letteratura, scienze sociali, media studies e museologia.

È quindi su questi temi che il Progetto “Persistenze o Rimozioni” declinerà quest’anno la sua specificità come vetrina delle ricerche in corso di una nuova generazione di studiosi, promuovendo la circolazione dei loro risultati e favorendo al contempo la discussione e l’incontro con le generazioni precedenti.

Attraverso lo sguardo interdisciplinare si vuole ripercorrere l’evoluzione delle culture politiche dell’Italia repubblicana dalla Costituente al boom economico, dalla crisi degli anni ’70 alla transizione infine che si apre con gli anni di Tangentopoli e dalla quale ancora non sembriamo essere usciti. Senza rinchiudersi nel luogo comune dell’anomalia italiana, il convegno si propone di gettare uno sguardo su tutto l’occidente per individuare tanto i punti di contatto che le rotture tra l’agone politico della nostra penisola ed il resto delle democrazie.

Alla luce dell’esplosione dei populismi e della crisi degli assetti politici della cosiddetta “II Repubblica”, si vuole cogliere l’occasione per declinare le specificità del “momento populista italiano”, le ragioni del tramonto dei partiti storici e le radici di questi fenomeni nel lungo periodo della storia della Repubblica.

Il call for papers di quest’anno intende mettere a fuoco proprio i numerosi punti di partenza della crisi, con un particolare riferimento alla sua dimensione storica, politica e culturale, prediligendo quei contributi che facciano dell’oggi il punto di partenza per la riflessione sul passato.

Per il raggiungimento di tali obiettivi si invitano i ricercatori junior (dottorandi e neo-dottori di ricerca) italiani e stranieri ad inviare proposte di contributi sui seguenti ambiti tematici principali, senza che questi siano strettamente vincolanti:

– Spazio della Storia: le diverse idee dell’Italia e dell’Europa partorite dalle culture politiche del Paese.

– Spazio dell’Economia e della Politica: partiti e movimenti europeisti e/o nazionalisti; la ridefinizione delle sinistre e delle destre; il rapporto con l’Europa dei vari partiti e movimenti; le mutazioni intervenute nei gruppi dirigenti e nella militanza.

– Spazio delle Rappresentazioni: nuove forme museali dedicate alla memoria politica; la politica come spazio immaginario nell’arte, cinema e architettura; l’immagine della politica italiana nella letteratura, mutazioni di rapporti tra intellettuali e politica; gli scritti memorialisti.

Un Comitato Scientifico appositamente costituito vaglierà̀ le proposte sulla base di un abstract di 500 parole accompagnato da un breve curriculum che dovrà̀ pervenire entro il 15 giugno 2019.

Le proposte devono essere via email: persistenzeorimozioni@gmail.com (indicando come oggetto “POR9 + cognome”).

Si pubblicheranno gli Atti nel corso del 2020 nella collana editoriale Persistenze o Rimozioni presso la casa editrice Aracne, Roma, per la quale si richiederanno testi di 40mila caratteri.

L’iscrizione al Convegno è di 50 € (la quota include il contributo per la pubblicazione degli Atti e la quota di iscrizione annuale all’Associazione, ridotta a 5 € per l’occasione del convegno).

Comitato scientifico: Goffredo Adinolfi (ICS Lisbona), Irene Bolzon (ISTRESCO Treviso), Lisa Bregantin (ISTRESCO Treviso), Adriano Cirulli (Università La Sapienza Roma), Michelangela Di Giacomo (M9 Museo del ‘900 Venezia), Oscar Greco (Università della Calabria), Livio Karrer (M9 Museo del ‘900 Venezia), Samuele Mazzolini (University of Bath UK), Tommaso Nencioni (Firenze), Paolo Perri (Università della Calabria), Giuseppe Saccà (M9 Museo del ‘900 Venezia), Francesca Zantedeschi (Gerda Henkel Stiftung Düsseldorf).

POR9_Cfp ITA DEF

 

 


Persistenze o Rimozioni 9

Ten Years Later:

from the Republic of Parties to the populist moment

 

Treviso, 26-27 September 2019

Deadline: 15th June 2019

 

               Under the Patronage

In collaboration with

 

 

 

“Persistenze o Rimozioni” is pleased to announce a call for papers for its IX annual conference: “Ten Years Later: from the Republic of Parties to the populist moment”.

 

Designed to be a showcase for young scholars’ works, the association “Persistenze o Rimozioni” organizes an annual conference and promotes an editorial series with the aim to help young researchers present themselves and their research in a multicultural context and discuss their work with senior scholars and Professors.

 

As part of a long-term research project on the contemporary age, the conference aims to

analyze the evolution – changes and persistence – of Italian political cultures, through an interdisciplinary approach (History, Political Science, Economics, Literature, Social Sciences, Media Studies, Museology).

 

The Conference goal is to retrace how Italian political culture has changed from the end of 2WW to the “economic miracle”, from the crisis of the ‘70s to the endless transition started in the late ‘80s. Without getting stuck to the cliché of the “Italian anomaly”, it will focus on the whole western area to identify points in common and cleavages within the Italian political scene and in other democratic systems.

 

Starting from the rise of populist movements and the crisis of the political structure of the so-called “2nd Republic”, the Conference will provide the opportunity to reflect on the peculiarity of the Italian populist moment, on the reasons of the decline of the traditional political parties and on the roots of this phenomena in the long term.

 

The CFP focuses particularly on the numerous starting points of the crisis, with particular reference to its historical, political and cultural dimension, and favoring those papers in which the present is used as a key to interpret the past.

 

In order to give answers to these and other questions, we encourage all PhD students and researchers at an early stage of their careers to submit proposals dealing with the processes of (re)invention of the collective identities, as well as the reinterpretation of the past, for example, through the use of:

 

– Historical Space: different ideas of Italy and Europe defined by the Italian political cultures.

 

–  Economical and Political Space: movement and parties (Europeanist vs nationalist); redefinition of left- and right-wing area; relationships with the EU institutions; changes in leaderships and militant groups.

 

–  Space of Representations: new museum devoted to political memories; politics as an imaginary space in art, cinema and architecture; the image of politics in literature; changing relationships between creative and cultural sectors and politics; memorialist writings and diaries.

 

A special Scientific Committee will evaluate proposals based on abstracts of not more than 500 words.

Abstracts must include a brief CV and be submitted by email to persistenzeorimozioni@gmail.com (subject:

“POR9 + surname”). Deadline: 15th June 2019.

 

Conference Proceedings will be published by 2020 (Aracne Publishing, “Persistenze o Rimozioni” editorial series) – approximately 40.000 characters will be required.

 

Conference fee is 50€. Publication and membership of “Persistenze o Rimozioni” included.

 

 

Scientific Comitee:

Goffredo Adinolfi (ICS Lisbona), Irene Bolzon (ISTRESCO Treviso), Lisa Bregantin (ISTRESCO Treviso), Adriano Cirulli (Università La Sapienza Roma), Michelangela Di Giacomo (M9 Museo del ‘900 Venezia), Oscar Greco (Università della Calabria Cosenza), Livio Karrer (M9 Museo del ‘900 Venezia), Samuele Mazzolini (University of Bath UK), Tommaso Nencioni (Firenze), Paolo Perri (Università della Calabria Cosenza), Giuseppe Saccà (M9 Museo del ‘900 Venezia), Francesca Zantedeschi (Gerda Henkel Stiftung Düsseldorf).

 

Annunci